Food service, come è cambiato il servizio in tempo di Covid

food-service

Food service, come è cambiato il servizio in tempo di Covid

La Pandemia di Covid-19 ha apportato diverse rivoluzioni in vari settori, compreso quello del food service. L’attuale trend del Food & Beverage è molto diverso rispetto a qualche anno fa, e non è una novità. Le abitudini della clientela nei confronti della ristorazione sono cambiate, spinte ovviamente dalla necessità del momento. Sono sempre di più le persone che si affidano al delivery, alle consegne a domicilio per consumare un pranzo o una cena a casa, senza disguidi.

Dal distanziamento sociale alle prenotazioni ridotte dei tavoli, il food delivery e le consegne a domicilio hanno preso il sopravvento. Le attività di ristorazione hanno scelto di puntare al food service, per proporre alla clientela delle pietanze sempre di grande qualità, ma con un’ottimizzazione dei tempi tale da accelerare la preparazione. Se vuoi saperne di più, visita pregis.it.

Food service, come è cambiato per il Covid-19

La storia ci ha insegnato che in qualche modo ogni crisi ha dato il via a una rivoluzione, a un cambiamento innovativo. Se torniamo indietro di qualche decennio, ci viene in mente la classica pizza da asporto: tuttavia, se volevamo ordinare da asporto al ristorante, la richiesta era decisamente molto meno elevata. Anzi, era persino ritenuta strana. Oggi, però, il delivery è il grande classico: non è più però composto da pizzerie, ma anche da sushi restaurant, pub, trattorie e tanto altro.

In realtà, nel panorama italiano della ristorazione si continua ad abbracciare le influenze oltreoceano, proponendo un modello nuovo di vivere la tavola, tra tradizione e innovazione. Il food in Italia è ormai destinato a subire degli importanti cambiamenti, anche dovuti ai consumi alimentari fuori casa.

Bisogna anche tenere conto che il foodservice è strettamente connesso alle nuove professioni nel settore della ristorazione e che è oltretutto basato su concetti più tecnologici. Pensiamo agli smartphone e ai tablet con cui possiamo prendere gli ordini e inviarli direttamente in cucina: non è più fantascienza, ma realtà.

Food service e vending: nuovi modi per ordinare

La ristorazione tradizionale rimane un grande classico, ma la somministrazione di cibi e bevande mediante il vending è un aspetto interessante, che tra l’altro è stato decisamente promosso dalla Pandemia. Il servizio è utile nel momento in cui le persone hanno bisogno di fare una pausa veloce, senza doversi fermare obbligatoriamente per un po’ di tempo.

In questo caso si parla anche dell’ottimizzazione dei tempi di preparazione: un trend che proviene dagli USA e che si sta sempre di più affermando, tra l’altro con alcune caratteristiche predominanti, come la qualità e la professionalità, che non vengono meno. Con il food service, si ha un menù meno ricco, sì, ma con proposte di altissima qualità.

Trend nel settore della ristorazione dopo la Pandemia di Covid-19

Che cosa ci suggeriscono le tendenze nel settore della ristorazione? Sempre più italiani stanno facendo la spesa online: l’acquisto di generi alimentari sul web a domicilio è uno dei trend principali conseguiti dalla Pandemia di Coronavirus. Questa abitudine, che è nata durante il lockdown, si è poi consolidata per la grande comodità offerta.

Al secondo posto tra i trend più diffusi nel settore della ristorazione troviamo sicuramente il food and wine delivery, che è ormai un grande classico: bastano pochi minuti per ordinare comodamente dal proprio smartphone o dal PC. Infine, il settore del Food & Beverage sarà sempre di più influenzato dalla tecnologia, come nel caso del food service. Di certo è inevitabile, ma non dobbiamo guardare al cambiamento in modo avverso, ma come una meravigliosa occasione di rinascita, soprattutto dopo la Pandemia, che ha messo a dura prova il settore della ristorazione per via delle frequenti chiusure e dei lockdown.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top